CORPO E IDENTITA' - LA PERDITA AMBIGUA (1/3)


 

Il primo atto di ogni civiltà-società è quello di assegnare un’identità – un nome – ai propri cittadini e assoggettarli alle regole (diritti e doveri) vigenti.

Il lavoro e l’abitazione dovrebbero completarne l’inserimento nella vita comunitaria, ma chi per diversi motivi non possa usufruire di una casa o almeno un domicilio, si ritroverà a vivere ai margini della società, quando non ne sia escluso del tutto.

Come ci sono stati dati i due cardini dell’identità - il nome e la casa - alla fine ci verranno tolti, abbandoneremo la casa dei viventi e il nostro nome apparterrà all’elenco dei defunti, esonerati (finalmente, direbbe qualcuno) dagli obblighi di legge.

Alcuni che decidono o sono costretti a lasciare la loro casa ancora in vita e che per diverse circostanze non saranno identificabili da morti, diverranno ospiti provvisori in qualche obitorio, in attesa che si compia l’ultimo atto dell’esistenza.

Il corpo, il fedele servitore del fantasma nella macchina cui molti danno la caccia immaginandolo o ritenendolo diverso da sé stesso, senza l’energia vitale ad animarlo si palesa quale fragile e indifeso guscio vuoto, privato di quei meravigliosi processi organici che ne hanno reso possibile l’autonomia.

Poiché siamo animali sociali, quell’ultimo atto riguarda il corpo che verrà affrancato dal collegamento col suo nome durante un’apposita cerimonia o attraverso un semplice atto anagrafico (certificato di morte).

Il corpo può senz’altro morire senza un’identità, come accade agli animali selvatici, ma quasi tutte le società ritengono che gli si debba quell’ultimo atto e per l’occasione, in differenti modi nel mondo, viene ricomposto cercando con un “trucco” (cosmetico) di ridonare al volto un po' di quella luce che contraddistingue l’animato dall’inanimato.

Quell’ultimo atto può raggiungere vette espressive (e di partecipazione emotiva) proprie di un’arte,  ben descritte nel film giapponese “Departures”

https://www.mymovies.it/film/2008/departures/https://www.mymovies.it/film/2008/departures/

Ritornando a quei corpi “di nessuno” è meritoria l’opera del famoso medico legale Cristina Cattaneo che efficacemente coniuga gli aspetti legali con quelli dell’umana pietas, che ho ascoltato nella puntata n°21 del podcast “Altre storie” di Mario Calabresi :

https://www.mariocalabresi.com/podcasts/altre-storie-n21-la-donna-che-restituisce-i-nomi/

Nell’altro lato della medaglia infatti vi sono (vive) le persone che hanno un legame con quella che scompare dal loro orizzonte degli eventi, inghiottite dal buco nero dell’imponderabile nell’esistenza.

Difficile se non impossibile farsene una ragione e si deve alla psicologa americana, Pauline Boss, la teoria sulla perdita ambigua e la necessità di imparare a con-vivere con il lutto irrisolto.

Questo bell’articolo di Lorenzo Bolzonello riassume l’intera questione:

http://vivereilmorire.eu/wp-content/uploads/2018/11/Articolo-Lorenzo-Bolzonello.pdf


L’anno scorso nella mia famiglia è mancato il mio fratello maggiore che, a causa delle rigide regole della situazione sanitaria, non abbiamo più potuto visitare dal ricovero in ospedale e neppure vedere da morto, magari attraverso un vetro, circostanza che ha straziato mia madre.

… alla bara del figlio, nel locale antistante il forno crematorio, viene tolto il coperchio e aperto il telo che ricopre il corpo, così che mia madre può finalmente vedere per l’ultima volta l’amato figlio. In un successivo sogno le è apparso di bell’aspetto e le ha detto: ” mamma, sono libero, non ho più il mio corpo…”


Commenti

Post più popolari