lezione d'anatomia





Interpretazioni da differenti punti di vista, di Arrigo Boito e Galvan

………………………………


La sala è lùgubre;
Dal negro tetto
Discende l’alba,
Che si riverbera
Sul freddo letto
Con luce scialba.

Chi dorme?... Un’etica
Defunta ieri
All’ospedale;
Tolta alla requie
Dei cimiteri,
E al funerale;


Tolta alla placida
Nenia del prete,
E al dormitorio;
Tolta alle gocciole
Roride e chete
Dell’aspersorio.

Delitto! e sanguina
Per piaga immonda
Il petto a quella!...
Ed era giovane!
Ed era bionda!
Ed era bella!

Con quel cadavere
(Steril connubio!
Sapienza insana!)
Tu accresci il numero
Di qualche dubio.
Scïenza umana!

Mentre urla il medico
La sua lezione
E cita ad hoc:
Vesalio, Ippocrate,
Harvey, Bacone,
Sprengel e Koch,

Io penso ai teneri
Casi passati
Su quella testa,
Ai sogni estatici
Invan sognati
Da quella mesta.

Penso agli eterei
Della speranza
Mille universi!
Finzion fuggevole
Più che una stanza
Di quattro versi.


Pur quella vergine
Senza sudario
Sperò, nell’ore
Più melanconiche
Come un santuario
Chiuse il suo cuore,

Ed ora il clinico
Che glielo svelle
Grida ed esorta:
«Ecco le valvole,»
«Ecco le celle,»
«Ecco l’aòrta.»

Poi segue: « huic sanguinis
Circulationi... »
Ed io, travolto,
Ritorno a leggere
Le mie visioni
Sul bianco volto.

Scïenza, vattene
Co’ tuoi conforti!
Ridammi i mondi
Del sogno e l’anima!
Sia pace ai morti
E ai moribondi. 

Perdona o pallida
Adolescente!
Fanciulla pia,
Dolce, purissima,
Fiore languente
Di poësia!

E mentre suscito
Nel mio segreto
Quei sogni adorni,...
In quel cadavere
Si scopre un feto
Di trenta giorni.

A. Boito, giugno 1865

………………………………………………………………………………………..….



Pur se il cuor era fermo con quello t’ho veduto,
non più col mar degli occhi, serrate le cortine,
a seguir le dolci curve del volto ormai già muto.

Ma pria ch’io fui scomposta da tal lame aguzzine,
le fredde membra esposte, spogliate dalle trine,
i miei neri capelli, le guance  già turchine
… furono sfiorate dal tuo respiro d’uomo.

Oh vita, m’hai lasciato, ogni piacer fu domo,
eppur quel giovinotto mi colse ancor qual donna
di ciò conservo traccia e l’amo qual Madonna.


Galvan

Commenti

Post più popolari