Il colore nascosto della lavanda - capitolo 1



Capitolo 1 - Al mercato


Era mercoledì, giorno di mercato nella cittadina, una delle poche occasioni mai mancate da Marie di soddisfare la curiosità dei suoi ormai prossimi quattordici anni.

Libera dagli obblighi scolastici, sin dal mattino era pronta per l'esplorazione minuziosa di quell'edificazione temporanea e traballante che è un mercato.

Cosa la interessava? Quasi tutto, ma specialmente oggetti colorati e anche vecchi, passati di mano in mano... sino a giungere a fine corsa in una bancarella in attesa di qualcuno che sapesse apprezzarli, una persona a cui raccontare la loro storia.

Beninteso, non che Marie fosse di bocca buona, era molto difficile che un oggetto superasse il suo spirito critico e arrivasse ad insidiare il suo magro borsellino, ma talvolta accadeva e quel giorno era  destino che accadesse.

C'erano come al solito decine e decine di bancarelle, da quelle che settimanalmente si ricollocavano con precisione negli stessi posti, ad altre che si adattavano ai residui spazi rimasti liberi ai margini della piazza, fuori dal percorso principale.

Luoghi che il più delle volte non erano permessi e per tale motivo un po' meno tenuti d'occhio dai vigili, così che poteva passare molto prima del loro arrivo. Su questo tempo “utile” contavano alcuni ambulanti non regolari per guadagnare qualcosa e bisognava che avvenisse presto;  per questo la loro merce non era ben disposta su ampie bancarelle coperte da colorati ombrelloni, ma era lì quasi al livello della strada, stipata in cassette o grosse borse, senza quel bel telo sopra la testa a rendere gradevole la sosta.

Da un po' camminava in quella scacchiera di vegetali, stoffe, vasi e altro ancora quando vide nuovamente quell'uomo all'angolo con la via superiore. Come la settimana prima pareva si stesse riposando ma la grande borsa adagiata a terra, ben aperta, lasciava intravvedere il suo contenuto di oggetti in vendita.

Marie notò anche quell'altra piccola borsa appoggiata sul muretto alle spalle dell'insolito personaggio, riempita di quello che parevano libri, riviste o vecchie cartoline, materiale abbondante in un mercato; ma pur da quella distanza un caldo e dorato riverbero del sole che proveniva da uno di quegli oggetti la raggiunse.

Era comunque intenzionata a tornare sui suoi passi, chiedendosi come mai la settimana prima avesse tralasciato di ispezionare quella mercanzia e quel riflesso le accelerò il passo.

Si  immerse nuovamente nell'acre fumo della carne arrostita venduta poco prima della stradina che  l'avrebbe condotta a scoprire l'origine di quella luce.

L'oggetto era una scatola quadrata, profonda cinque centimetri per quasi venti di lato, di un colore dorato metallico come un'icona e forse vecchia.

C'erano degli occhielli sui quattro lati e dentro questi passava un cordoncino che avvolgeva il coperchio e si chiudeva in alto con un'asola.

Marie stava già sfiorandolo con le dita, pensando che avrebbe fatto un figurone nella sua collezione, quando udì la voce dell'ambulante... si ricordò del suggerimento di sua madre a non mostrare troppo interesse in una trattativa e anche di chiedere subito, distrattamente, il prezzo  dell'articolo prima di rigirarlo tra le mani, osservata dal venditore.

Ma i ragionamenti e le furbizie non sono per tutti i ragazzi e men che meno per quelli affascinati dai colori, dalle forme e dai segreti delle cose.

“Se vuoi la puoi aprire”- disse accomodante l'uomo, senza mettere nessuna fretta alla ragazza. - “Oh no, mi piaceva solo la forma, andrebbe bene per metterci delle foto.” - “Oppure le lettere dei tuoi amici, o delle cose preziose.” - ribatté prontamente, aggiungendo: - “Prima però bisognerebbe togliere il contenuto che forse vale anche di più...”.

La curiosità le impediva di rimanere calma ma la discussione era ormai avviata, in ogni caso non aveva abbastanza denaro con sé, qualche parola non presumeva un impegno, pensò.

“E cosa ci sarebbe di così prezioso? ” - chiese a sua volta. Il venditore non replicò ma prese la scatola con una mano rigirandola quel tanto che bastava a farla illuminare completamente dal sole prima di sciogliere l'asola e cominciare ad aprirne il coperchio.

Marie a quel punto sarebbe stata disposta a pagare qualcosa solo per vederne il contenuto.

Tolto  il coperchio apparvero alcune buste di diversi colori fatte con una carta spessa, ripiegate e incollate in modo tale che solo un sottile cordoncino a strappo ne permettesse l'apertura, una sorta di sigillo che ne garantiva l'inviolabilità.

Quelle  buste le fecero dimenticare la scatola dorata, il suo interesse si era spostato sul loro contenuto. “Cosa c'è dentro?” - chiese con una vibrazione di impazienza nella voce.  - “Non lo so del tutto, conosco solo da dove provengono. Erano col materiale di un vecchio prestigiatore, le ho trovate e avute assieme ad altro anni fa, in cambio del lavoro per svuotare e ripulire una enorme soffitta. Pensavo di tenere tutto per me, purtroppo a causa di un incidente che non mi ha più permesso di lavorare ho iniziato a vendere queste e altre cose.” - “E non ha mai aperto neppure una delle buste?” - “Sì, una l'ho aperta quasi subito ma non posso dirti cosa c'era, per motivi personali. Però di una di quelle che ho venduto mi è stato detto che conteneva la spiegazione di trucchi di scena del prestigiatore, qualcuno mai visto; di un'altra  che avesse svelato il futuro a chi l'ha comperata. ” - disse l'uomo. - “Quindi è possibile che altri trucchi o predizioni siano rivelati nelle buste! Se è così come mai non le hai ancora vendute tutte?” - chiese la ragazza. - “Semplice, perché non ho trovato il compratore disposto a pagare il giusto prezzo e non le regalo di certo!”.

Quand'è il momento di decidere spesso abbiamo già dimenticato come siamo arrivati a quel punto; talvolta il ricordarlo ci pone in imbarazzo perché sembra  che il destino muova per noi i nostri passi sino a lì e che a noi spetti solo di prendere o lasciare.

Per quanto si cerchi a ritroso nella memoria, quello che ne ricaviamo appare indistinto; come nel caso di Marie che rivide nella sua mente quel raggio dorato provenire dalla scatola, il venditore e le buste colorate, il tutto mescolato alla storia del prestigiatore e al desiderio di possederne una.

Una moltitudine di domande l'assalivano: non era più la scatola che l'interessava? E poi  quell'uomo... non l'aveva mai visto prima d'ora, perché non provava diffidenza?

Poteva bene aver architettato tutta la storia e ora lei stava per cadere nella sua trappola!

L'ansia stava quasi per impadronirsi di lei, si rese appena conto della voce del  venditore: - “Mia cara ragazza, vedo che hai dei dubbi e ti dico che li avrei anch'io al tuo posto.

È un genere di cose per pochi, anche per questo non è facile venderle; quello che posso dirti, puoi credermi o meno, è che nessuno si è mai lamentato dopo l'acquisto.”.

Non c'era altro da dire, era arrivato il momento di andare al di là delle paure, della fiducia, di tutto. Rimaneva un'unica domanda e Marie nel farla sperò di mettere alla prova l'uomo: - “Costano tutte uguale queste buste?” - chiese - “Per davvero non ne conosco il contenuto, che delle tre tu scelga la gialla, la verde o l'altra per me non fa differenza. Il prezzo è il medesimo per tutte, non credo sia alla tua portata, ma devo venderle e te lo dico ugualmente.” - rispose prontamente.

Provò quasi un colpo allo stomaco, la prima reazione fu di andarsene immediatamente. - “È   sicuramente una truffa, dovrei denunciarlo!” - pensò, con la rabbia che cresceva.

Un improvviso  movimento del venditore richiamò la sua attenzione... solo allora lo vide bene, pur se non troppo anziano era in pessime condizioni fisiche.

Stava appoggiato al muretto tenendosi con una mano alla ringhiera; il pantalone era ripiegato sulla coscia della gamba sinistra all'altezza del ginocchio e l'indispensabile gruccia era appoggiata sopra lo stesso muro.

Come era sicura un momento prima ripiombò nell'incertezza più fonda l'attimo dopo; ma quello che più la fece star male fu il pensiero che tutto il suo giudizio, tutta la sua sicurezza nel valutare quel pover'uomo era a causa del prezzo, per lei troppo alto, delle buste che erano probabilmente una buona parte della sua speranza di sostentamento.

Pensò che se fosse stato un imbroglio costui rischiava quel poco che aveva, addirittura la possibilità di continuare a frequentare i mercati, dove le voci si spargono velocemente.

Forse c'era ben poco di valore nelle buste e in fin dei conti, come alla lotteria, uno è libero di scommettere. Questi e altri pensieri passarono veloci nella sua agile mente senza tuttavia placare quel senso prima di rabbia e ora di irrequietezza che la possedeva, finché intuì quale fosse il vero problema: quello che l'aveva davvero indisposta era che un suo desiderio, una sua  curiosità, non poteva essere soddisfatto; un altro no nella vita ancora piena di sogni e speranze di una ragazzina.

Ma quando fu lì per andarsene, scusandosi in cuor suo per aver così mal pensato dell'uomo, riguardò le tre buste nella scatola: la verde e l'altra di colore giallo, non erano che buste con forse una sorpresa all'interno, ma la terza era una sorpresa già rivelata per lei.

Dimenticò ogni pensiero precedente e senza più sentirsi in colpa, adirata o inquieta prese quella busta tra le mani per osservarla meglio. Immediatamente si formò un pensiero nella sua mente che non riuscì più a scacciare... quella busta era destinata a lei...  il colore era esattamente il colore della lavanda che adorava.

Non si sa perché i colori ci facciano così effetto e ognuno ne preferisca che altri non sopportano; Marie non sarebbe mai andata via da dove viveva, da quei posti radianti del lilla della lavanda, del lilla di quella busta. Capì che per un sogno si deve e si può pagare un prezzo, lei ora era disposta a farlo.

 Disse al venditore che era interessata, voleva quella busta e non avrebbe neppure cercato uno sconto, ma in cambio doveva prometterle di conservarla sino al termine del mercato, ancora qualche ora, per permetterle di trovare quella cospicua somma di cui assicurò l'onesta provenienza.

Spiegò che aveva dei risparmi e qualcuno l'avrebbe sicuramente aiutata per la restante parte, rintuzzò il senso di fretta che parve metterle l'uomo dicendogli che se finora non le aveva vendute era impossibile che in così poco tempo si sarebbero presentati acquirenti per tutte e che sicuramente nel paese della lavanda era più facile vendere le buste degli altri colori!

Lasciò all'ambulante tutti i suoi 50 franchi  in cambio di un libro preso a caso; se non fosse ritornata sarebbero stati pari, lo avvertì di stare ai patti, lei pur essendo giovane conosceva molte persone... ma non finì la frase perché l'uomo nel riporre in una borsa denaro e busta le disse che come egli si fidava lei dovesse fare altrettanto.

 

Un paio di mercoledì al mese Anne portava Jean, un amico di Marie di quattro anni maggiore, in uno studio medico della cittadina e la ragazza colse quelle occasioni per un passaggio in auto.

La cure duravano normalmente più di un'ora, tempo che impiegava per la sua visita al mercato, prima di rincontrarsi.

Immersa in un turbinio di pensieri stava ritornando verso lo studio vicino al  parco pubblico, affacciato sulla vallata in fiore. Pian piano si ripresentò la realtà: era solo una ragazzina entrata in un gioco più grande di lei, un gioco per adulti dove servivano molti soldi veri per partecipare!

Oppose quel suo senso di fiducia in sé a tutte le logiche osservazioni che si figurava le avrebbero rivolto i familiari; ma al termine di tutto ciò, quando rimase solo l'aritmetica da mettere a posto, si rese desolatamente conto che le parole non sono numeri e che per quanto si auspicasse la benevolenza della madre e della zia in occasione del suo compleanno di lì a giorni, non avrebbe raggiunto la somma richiesta (del padre, allontanatosi di casa con altri illeciti affetti, non ricordava da tempo un qualche aiuto).

Non crediate tuttavia che una tale giovane avrebbe aperto le porte alla disfatta senza avere, se non la certezza, almeno una valida speranza. Sarebbe stata un'altra occasione per mettere alla prova l'amicizia di Jean; ma questa volta, trattandosi di denaro, se ne vergognò un po'.


Commenti

Post più popolari